Costruzioni residenziali a Viterbo

opere di edilizia residenziale di alta qualità nel totale rispetto dell'ambiente e della persona

Negli anni Quaranta, Testini S.r.l. nasce come impresa edile individuale, fondata da Evaristo Testini, il padre dell’attuale titolare Francesco, proprio con una prevalente attività nel settore dell’edilizia residenziale e delle costruzioni destinate ad un utilizzo civile. Oggi, a distanza di decenni, grazie alla significativa esperienza acquisita e alla professionalità dello staff tecnico di cui Francesco Testini si avvale, l’impresa è in grado di dare vita a qualsiasi tipo di progetto, dalle costruzioni residenziali a Viterbo, all’edilizia commerciale, alle grandi infrastrutture industriali, sempre con la massima attenzione alla qualità, alla tecnologia e al minimo impatto ambientale. Nel contesto delle costruzioni residenziali a Viterbo, l’impresa ha potuto sperimentare la propria competenza in tutte le tipologie di edificio: villette unifamiliari su uno o più livelli, villette plurifamiliari a schiera o a sezioni di edificio, palazzi ed edifici pluripiani con inclusi anche numerosi appartamenti, e altri progetti specifici secondo le diverse richieste dei committenti. Per ogni genere di struttura, l’azienda rispetta sempre i propri standard di qualità e di lavoro: una grande attenzione nella fase progettuale, il rigoroso rispetto della normativa attuale nei termini di edificazione e di sicurezza, la scelta di soluzioni tecnologiche particolarmente vantaggiose soprattutto sotto l’aspetto energetico, con l’introduzione, quando possibile, di impianti ad energia rinnovabile, in maniera tale da poter ridurre al minimo i costi e al contempo garantire un impatto ambientale quasi nullo. Fin dall’inizio della propria attività, Testini S.r.l. ha sempre riservato una grande importanza all’aspetto ambientale, realizzando progetti di alta qualità tecnica e costruttiva ma sempre con un particolare riguardo alla sostenibilità ambientale e alla tutela della salute: da qui la scelta di orientarsi verso le fonti di energia alternativa, di scegliere materiali che non si rivelino potenzialmente dannosi verso l’ambiente naturale neanche a distanza di anni, e di prestare la massima attenzione che la struttura architettonica non incida negativamente sul paesaggio.